Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Cronaca

Convegno psicologi su nuove sfide Ue per diritti umani

Convegno psicologi su nuove sfide Ue per diritti umani

Associazione ReDiPsi promuove dialogo su tutela e promozione diritti imprescindibili per Stati Ue

di Bianca Franchi

ROMA - Si terrà oggi, alle ore 21, il webinar dedicato alla tutela dei Diritti Umani in Europa, organizzato dall'"Associazione ReDiPsi – Reti di Psicologi per i Diritti Umani", che vedrà la partecipazione di importanti ospiti esperti di Diritto Umanitario e politica estera. Nel corso della serata si alterneranno gli interventi di: Fausto Pocar, Professore emerito di Diritto Internazionale dell’Università Statale di Milano, Presidente dell’Istituto Internazionale di Diritto Umanitario; Bruno Marasà, già Funzionario Europeo. Esperto di politica estera e comunicazione istituzionale.

I MODERATORI - Modereranno l'incontro Gabriella Scaduto, Psicologa, Psicoterapeuta e Presidente di ReDiPsi e Riccardo Bettiga, Psicologo e Psicoterapeuta.

TUTELA DEI DIRITTI UMANI - “Bisogna parlare sempre di più di diritti umani e della loro tutela, noi psicologi siamo, in prima linea per la loro salvaguardia. La psicologia deve avere un ruolo di stakeholder e dialogare con le altre professioni, e con la politica”, afferma Gabriella Scaduto Presidente di ReDiPSi – Reti di Psicologi per i Diritti Umani. “La tutela dei diritti umani è un patrimonio dell'Unione europea. Valori e principi connessi al loro rispetto sono scritti nei Trattati, ma anche nelle normative legislative e negli accordi con i Paesi terzi. Una particolare attenzione per questo tema c'è nel Parlamento europeo. Con il Premio Sacharov, che ogni anno viene conferito a quanti si battono per la libertà di pensiero e la tutela dei diritti umani, il Parlamento conclude un'azione di monitoraggio e intervento permanente. La questione che si pone oggi è quella di aggiornare il catalogo dei diritti umani rispetto ai nuovi conflitti sparsi nel mondo, alle conseguenze delle migrazioni. Anche l'invadenza delle nuove tecnologie, in termini di tutela della privacy e del controllo dei grandi gestori del web pone seri problemi. Infine, non si possono ignorare le recenti violazioni da parte di alcuni Stati membri dell'UE, Polonia e Ungheria in primo luogo", afferma Bruno Marasà.

IL PUNTO DI RIFERIMENTO - “L'UE ha preso come linea guida la tutela dei diritti umani e ne ha fatto un punto di riferimento essenziale incorporando la Convenzione europea dei diritti umani (CEDU) e la Carta di Nizza nei trattati. Tuttavia il tema è sempre aperto e la violazione dei diritti fa sempre più parte della disgregazione dell'Unione su altre politiche e diviene sempre più una merce di scambio. Il caso di Ungheria e Polonia, dove i meccanismi di controllo e di reazione alle violazioni non sono stati attivati seriamente lo dimostra in modo evidente. E lo dimostra altrettanto la politica in tema di migrazioni, data l'assenza di una politica estera che possa dirsi comune in materia", aggiunge Fausto Pocar. L'evento sarà gratuito e aperto a tutte le persone interessate, previa iscrizione.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Diego, l’artista che ha fatto male solo a sé stesso 30 novembre 2020 10:01

Diego, l’artista che ha fatto male solo a sé stesso

Maradona era (è!) un genio e come tale avrà sempre chi lo denigrerà, ma la verità sta altrove

ROMA - Quando per tutta una vita hai fatto parlare di te – nel bene o nel male – è difficile smettere. Quando sei stato un autentico modello da seguire per quello che riuscivi a...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Coprifuoco: lasciarlo alle 22:00, posticiparlo o toglierlo?

Risultati