Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Salute

“Dare voce a chi non può parlare”: il 22 aprile webinar sulla Comunicazione Aumentativa Alternativa

“Dare voce a chi non può parlare”: il 22 aprile webinar sulla Comunicazione Aumentativa Alternativa

Gesti, codici, tabelle con simboli, ausili e strumenti di alta tecnologia in aiuto a chi ha difficoltà ad esprimersi con il linguaggio verbale

di Alessia Salmoni

ROMA - La comunicazione è un diritto umano fondamentale: tutti devono avere la possibilità di esprimersi e di vedere riconosciuti i propri bisogni. Ci sono però persone che hanno difficoltà nell’esprimersi con il linguaggio verbale poiché affetti da paralisi cerebrali infantili, autismo, forme neurologiche evolutive, traumi. In loro aiuto arriva la Comunicazione Aumentativa Alternativa (CAA): un insieme di modalità e strategie di comunicazione, funzionali a migliorare la comunicazione esistente utilizzando gesti, codici, tabelle con simboli, ausili e strumenti di alta tecnologia.

LA CAA - Grazie alla CAA, bambini con complessi bisogni comunicativi possono partecipare alla vita e agli apprendimenti scolastici, possono stabilire contatti sociali e sviluppare amicizie esprimendo la loro personalità, possono acquisire un ruolo attivo nelle scelte della loro vita. Un intervento di CAA - preceduto da una valutazione competente, dinamica e progressiva - supporta il bambino con complessi bisogni comunicativi, utilizzando strategie e strumenti personalizzati, e, insieme a lui, anche i suoi punti di riferimento affettivi ed educativi. Solo così il bambino può essere il vero protagonista della sua vita.

IL WEBINARI - Questo il tema al centro dell’appuntamento online e gratuito “Dare voce a chi non può parlare” dedicato in particolare ai genitori di bambini con disabilità comunicativa, in programma per giovedì 22 aprile alle ore 17: due ore alla scoperta della Comunicazione Aumentativa Alternativa. Due i promotori del webinar: Fondazione Ariel - che si occupa di sostegno e orientamento alle famiglie con bambini affetti da disabilità neuromotorie, oltre che di progetti di ricerca per sviluppare la conoscenza, il trattamento e la cura delle patologie neuromotorie infantili - e Centro Benedetta D’Intino - che si occupa di cura e promuove cultura e sensibilizzazione sui temi della disabilità comunicativa e sui bisogni specifici di ogni bambino che non può parlare e presenta disagi psicologici, intervenendo nei settori della CAA e della Psicoterapia. Protagoniste del webinar sono: Aurelia Rivarola - neuropsichiatra infantile, responsabile clinico-scientifica del settore CAA e presidente del Centro Benedetta D’Intino Onlus - e Carla Gaddi - psicologa e psicoterapeuta, consulente del servizio di sostegno psicologico “Spazio Genitori” di Fondazione Ariel. Ci sarà inoltre la testimonianza di Concetta Bruzzese Patrone, mamma di una ragazza affetta da Paralisi Cerebrale Infantile, che racconterà la sua esperienza con la CAA presso il Centro Benedetta D’Intino. Un secondo appuntamento, sempre gratuito, è previsto per giovedì 6 maggio alle ore 17: due ore dedicate ad approfondire il tema della CAA attraverso le domande dei genitori.

PER ISCRIVERSI - Per iscriversi ai due incontri è necessario compilare il form sul sito www.fondazioneariel.it entro il 21 aprile (si riceveranno poi le informazioni per accedere in streaming alla piattaforma Zoom).

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Diego, l’artista che ha fatto male solo a sé stesso 30 novembre 2020 10:01

Diego, l’artista che ha fatto male solo a sé stesso

Maradona era (è!) un genio e come tale avrà sempre chi lo denigrerà, ma la verità sta altrove

ROMA - Quando per tutta una vita hai fatto parlare di te – nel bene o nel male – è difficile smettere. Quando sei stato un autentico modello da seguire per quello che riuscivi a...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Covid, quasi tutta Italia in zona rossa: restrizioni troppo dure o necessarie?

Risultati