Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Esteri

Gli Zapatisti arrivano in Europa: l'annuncio dell'EZLN

Gli Zapatisti arrivano in Europa: l'annuncio dell'EZLN

Con l'impegno di lottare contro il sistema attuale, al fine di distruggerlo, i rivoluzionari messicani organizzano una serie di incontri nel continente

di Giacomo Zito

ROMA - Con l'obiettivo di lottare contro un sistema "boia", causa dei dolori della terra, i rivoluzionari messicani dell'Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale sono pronti a varcare i propri confini per compiere un viaggio transoceanico e giungere in Europa, tra luglio e ottobre. "Durante i mesi precedenti, abbiamo stabilito contatti tra di noi attraverso diverse forme. Siamo donne, lesbiche, gays, bisessuali, transgender, travestiti, transessuali, inter-sessuali, queer e altro, uomini, gruppi, collettivi, associazioni, organizzazioni, movimenti sociali, popoli originari, comitati di quartiere, comunità e un ampio 'eccetera' che ci dà l’identità" si presenta il movimento in un comunicato pubblicato il primo gennaio. Un'identità che però come spiegato dagli stessi zapatisti, è anche molto differenziata da "terre, cieli, montagne, valli, steppe, foreste, deserti, oceani, laghi, fiumi, torrenti, lagune, razze, culture, idiomi, storie, età, luoghi geografici, identità sessuali, fama, popolarità, seguaci, likes, monete, gradi di scolarizzazione, modi di essere" e quant'altro.

L'UNIONE - "Solo poche cose ci uniscono - si legge nel comunicato -. Facciamo nostri i dolori della terra: la violenza contro le donne; la persecuzione e il disprezzo verso i diversi nelle identità affettive, emozionali, sessuali; l’annichilimento dell’infanzia; il genocidio contro gli indigeni; il razzismo; il militarismo; lo sfruttamento; l’espropriazione; la distruzione della natura". E a unire tutte queste problematiche, sono consapevoli che è il sistema: "Un sistema sfruttatore, patriarcale, gerarchico, razzista, ladro e criminale: il capitalismo".

L'IMPEGNO - Proprio per questa consapevolezza che l'EZLN si impegna a lottare "in ogni luogo e in ogni tempo – ognuno nel suo territorio – contro questo sistema al fine di distruggerlo. La sopravvivenza dell’umanità dipende dalla distruzione del capitalismo. Noi non obbediamo, non siamo in vendita, non ci arrendiamo". Per questo e tenendo presente questo obiettivo gli zapatisti hanno deciso di organizzare un tour di incontri "dialoghi, scambi di idee, esperienze, analisi e valutazioni tra tutti coloro che incontriamo impegnati, da distinte concezioni e su differenti terreni, nella lotta per la vita". Toccando i cinque continenti, i rivoluzionari intendono arrivare in Europa tra luglio e ottobre "con la partecipazione diretta di una delegazione messicana composta dal CNI-CIG, dal Frente de Pueblos en Defensa del Agua y de la Tierra de Morelos, Puebla y Tlaxcala, e dall’ EZLN. E, in date successive per appoggiare, secondo le nostre possibilità, la realizzazione degli stessi in Asia, África, Oceanía e América".

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Diego, l’artista che ha fatto male solo a sé stesso 30 novembre 2020 10:01

Diego, l’artista che ha fatto male solo a sé stesso

Maradona era (è!) un genio e come tale avrà sempre chi lo denigrerà, ma la verità sta altrove

ROMA - Quando per tutta una vita hai fatto parlare di te – nel bene o nel male – è difficile smettere. Quando sei stato un autentico modello da seguire per quello che riuscivi a...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Covid, quasi tutta Italia in zona rossa: restrizioni troppo dure o necessarie?

Risultati