Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Tecnologia

Instagram, i link nelle stories adesso disponibili per tutti

Instagram, i link nelle stories adesso disponibili per tutti

Lo ha reso noto l'azienda aggiungendo che non dipenderà più dal numero di followers

di Maria Chiara Fantauzzi

ROMA - Lo 'swipe up' nelle stories di Instagram non sarà più un privilegio per pochi. Secondo quanto dichiarato dall'azienda i link nelle stories (ora trasformati in adesivi), sono disponibili per tutti, indipendentemente dal numero di followers che uno ha. Cade, così, uno degli ultimi baluardi dell'esclusività di Instagram, sempre più intenzionato a rispondere alle richieste delle piccole e medie realtà che attraverso le stories stabiliscono il proprio business. "Sappiamo quanto sia fondamentale per la nostra community poter condividere ciò che sta più a cuore, e questa nuova funzionalità potrà essere usata dai creator proprio per far sentire la propria voce a supporto di temi importanti come uguaglianza e giustizia sociale" scrive l'azienda. La funzione, prima di oggi disponibile solo per account selezionati, è stata quindi resa disponibile per tutti. Basterà caricare il proprio contenuto nella Storia, selezionare lo strumento adesivi nella parte superiore dello schermo e poi cliccare sullo sticker "link".

Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti

Eventi

Editoriale

Serie A, il protagonismo degli arbitri ha messo ko il calcio 5 febbraio 2022 17:15

Serie A, il protagonismo degli arbitri ha messo ko il calcio

Il calcio italiano è finito. Ora mancano solo i titoli di coda

ROMA – Ancora arbitro protagonista in Serie A. Nel corso di Roma-Genoa, valevole per la 24ª giornata del massimo campionato, il signor Rosario Abisso annulla, dopo la consultazione del...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Covid, il 31 marzo è la data giusta per togliere lo stato di emergenza?

Questo sondaggio è chiuso.

  • 54.5 %
  • No 45.5 %
Vai alla pagina dei sondaggiLeggi l'articolo