Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Motori

International Rally Cup da record: novantaquattro gli iscritti al “via” del Trofeo Maremma

International Rally Cup da record: novantaquattro gli iscritti al “via” del Trofeo Maremma

Un numero destinato ad aumentare in vista della riapertura delle iscrizioni, a conclusione dell’appuntamento inaugurale

ROMA - È record per International Rally Cup: la proposta 2022 di IRC Sport ha fatto registrare l’adesione al campionato da parte di novantaquattro equipaggi. Numeri “monstre” che - in vista della riapertura delle iscrizioni, a conclusione del primo impegno in calendario - lasciano intravedere ulteriori margini di crescita per il prosieguo della programmazione. Quattro scenari, il Trofeo Maremma, il Rally Internazionale del Taro, il Rally Internazionale Casentino ed il Rally Città di Bassano ed un montepremi quantificato in 288000 euro che hanno assecondato le esigenze dei praticanti, garantendo al sodalizio un importante riscontro già dall’evento inaugurale. Uno scenario esclusivo, l’International Rally Cup 2022, pronto - come da tradizione - ad abbracciare le linee del Trofeo 208 Rally Cup Pro, monomarca Peugeot dedicato sia alle vetture turbo che agli esemplari a motore aspirato, iniziativa che ha chiamato a raccolta ventisei equipaggi.

QUANTITA' E QUALITA' - Quantità ma, soprattutto, grande qualità nell’elenco iscritti del Trofeo Maremma, appuntamento di apertura che coinvolgerà Follonica e la provincia di Grosseto nel fine settimana. Ventitre, i piloti della classe regina - la Rally2 - a contendersi le posizioni della classifica assoluta e quella di “IRC Challenge” sulle strade del confronto organizzato da Maremmacorse 2.0. Una ventunesima edizione, quella proposta in concerto con Pirelli, alla quale hanno risposto “presente” piloti del calibro di Luca Rossetti ed Andrea Nucita (entrambi al volante di Skoda Fabia R5) e di Alessandro Re, atteso sulla Volkswagen Polo R5 che gli ha garantito la seconda posizione assoluta nell’edizione 2021 del campionato. Un elenco iscritti nel quale spicca anche la presenza dello sloveno Bostjan Avbelj, di Michele Rovatti e di Gianluca Tosi, tutti su Skoda Fabia R5, vettura di cui disporranno anche Roberto Tucci, vincitore lo scorso anno sulle strade “della Maremma”, Nicola Sartor, Marcello Razzini e Fabio Federici, parti integranti di una categoria di grande contenuto qualitativo. Sarà al volante di una Hyundai I20 N R5 Antonio Rusce, pilota che cercherà ulteriori conferme dopo essersi approcciato alla vettura nelle fasi iniziali della stagione sportiva. Ha confermato la presenza anche Marco Belli, uno dei “senatori” del campionato, interprete su Skoda Fabia R5, esemplare che lo accomunerà alle “new entry” Pier Francesco Verbilli, Matteo Bonini, Simone Goldoni ed Alberto Roveta. Prospettive a trazione integrale anche per Pierdomenico Fiorese, ancora presente su Mitsubishi Lancer R4 e Paolo Oliva, anch’egli al volante di una “Evo X” ma di Gruppo N.

I GRANDI NOMI - Nel confronto “a due ruote motrici” spiccano le adesioni del francese Cyril Audirac (Renault Clio S1600), del corso Battistu Ceccaldi e di Riccardo Tondina, entrambi alla prima stagione su Peugeot 208 Rally4, di Simone Di Giovanni (Renault Clio R3), di Luciano D’Arcio (Renault Clio Williams) e di Mirco Straffi, tornato sulle strade del campionato che gli ha - negli anni - garantito soddisfazioni ed atteso al volante di una Peugeot 208 Rally4, esemplare che utilizzeranno anche Lorenzo Grani, Riccardo Pederzani, Paolo Oriella e Gabriele Tognozzi, tornato all’attività sportiva dopo cinque anni di inattività. Una nutrita schiera di interpreti che cercherà i vertici del Trofeo Due Ruote Motrici Prestige, tra le nuove linee della proposta IRC 2022. Grande riscontro anche da parte degli esponenti della classe R2B, ben venti, con Gabriel Di Pietro, Mirko Carrara e Giuseppe Frattalemi a confermare la propria adesione dopo essersi resi protagonisti nel 2021 e l’apertura a piloti quali Michele Bormolini ed i toscani Alessandro La Ferla, Daniele Silvestri ed Emilio Coppedè.

LE ALTE SFERE DELLA CLASSIFICA - Tra coloro che si contenderanno le alte sfere della classifica riservata al Trofeo Sport, garantiranno agonismo Christian Buccino (Honda Civic), Sandro Incerpi (Peugeot 106 Maxi), Fabio Oppici (Peugeot 106 N2), Davide Scarso (Renault Clio RS), Luca Bertoli, Davide Pasquali, Nicola Angilletta ed il francese Kewin Fredenucci, tutti su Renault Clio Rally5.

LE VETTURE - Sei, le vetture che interpreteranno il Trofeo BMW Rally Cup Top, con l’asfalto del Trofeo Maremma in attesa dei passaggi delle “Racing Start Diesel Plus 2.0” di Simone Rivia, Iacopo Lucarelli, Paolo Roveda, Carmine Alfano, Alessandro Biondo ed Enrico Spreafico.

LORIANO NORCINI: “UN RISULTATO SORPRENDENTE” - Entusiasta del numero di iscritti raggiunto alla vigilia del primo appuntamento di International Rally Cup 2022, il Trofeo Maremma, il coordinatore del campionato Loriano Norcini: “Mi sarei aspettato di commentare un numero in linea con i contenuti espressi dalla precedente edizione, una conferma ma l’aver raggiunto le novantaquattro adesioni alla prima gara mi ha sorpreso. La forza di IRC? Ascoltare i piloti, cercare di creare un campionato a loro misura e migliorarsi continuamente”.

EMOZIONI “LIVE” SU FACEBOOK - Sarà assecondata da una copertura mediatica importante, l’edizione 2022 di International Rally Cup. Una cronaca in tempo reale, quella che interesserà le quattro gare di campionato, con la pagina facebook ufficiale a veicolare la diretta testuale fin dalle fasi di shakedown, sabato mattina, documentando, ad ogni fine prova speciale, la condotta di gara degli esponenti di IRC. Un’iniziativa che ricalcherà le linee della precedente edizione, catalizzando l’attenzione sulle diverse fasi del confronto, con contributi video ed interviste previste al parco assistenza.

 

FOTO: Amicorally

Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti

Eventi

Editoriale

Serie A, il protagonismo degli arbitri ha messo ko il calcio 5 febbraio 2022 17:15

Serie A, il protagonismo degli arbitri ha messo ko il calcio

Il calcio italiano è finito. Ora mancano solo i titoli di coda

ROMA – Ancora arbitro protagonista in Serie A. Nel corso di Roma-Genoa, valevole per la 24ª giornata del massimo campionato, il signor Rosario Abisso annulla, dopo la consultazione del...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Covid, il 31 marzo è la data giusta per togliere lo stato di emergenza?

Questo sondaggio è chiuso.

  • 54.5 %
  • No 45.5 %
Vai alla pagina dei sondaggiLeggi l'articolo