Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Scienze

Matching 2.0: il Giappone assolda l'intelligenza artificiale

Matching 2.0: il Giappone assolda l'intelligenza artificiale

L'iniziativa dovrebbe servire a diminuire il drastico calo di natalità nel Paese

di Stefania Abbondanza

ROMA - Se non bastano i siti di incontri o gli eventi d'incontro per trovare la propria anima gemella, ecco che in Giappone si sta sviluppando un software per i "single cronici". A causa della crisi di natalità che sta attraversando il Paese, infatti, le autorità hanno deciso di affrontare il problema da un punto di vista digitale, utilizzando l'intelligenza artificiale per abbinare i cuori solitari. Questo è quanto rivelato finora da un comunicato della AFP, che si rifà ad alcune dichiarazioni di un funzionario del gabinetto nazionale. Al momento sarebbero stati stanziati ben 2 miliardi di yen a sostegno dei programmi di abbinamento dei single, come rivelato dallo stesso primo ministro Yoshihide Suga, e già quasi la metà delle cosiddette agenzie matrimoniali starebbe inserendo le tecnologie intelligenti nei propri software per aumentare le probabilità di un buon match tra due single. La speranza, almeno secondo i funzionari, è che questo programma riesca a fornire migliori risultati rispetto al lavoro degli esseri umani.

 

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Diego, l’artista che ha fatto male solo a sé stesso 30 novembre 2020 10:01

Diego, l’artista che ha fatto male solo a sé stesso

Maradona era (è!) un genio e come tale avrà sempre chi lo denigrerà, ma la verità sta altrove

ROMA - Quando per tutta una vita hai fatto parlare di te – nel bene o nel male – è difficile smettere. Quando sei stato un autentico modello da seguire per quello che riuscivi a...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Covid, quasi tutta Italia in zona rossa: restrizioni troppo dure o necessarie?

Risultati