Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Politica

Miozzo: "Scuola fondamentale come l'economia, altrimenti falliamo"

Miozzo: "Scuola fondamentale come l'economia, altrimenti falliamo"

Le parole del membro del Cts in merito alle scelte politiche di governo e regioni

di Alessia Salmoni

ROMA – “Provocatoriamente ho immaginato di suggerire, qualche tempo fa, al Presidente del Consiglio di invocare l’articolo 120 della Costituzione, ovvero il potere sostitutivo in luogo delle Regioni ove queste non siano in grado di garantire quanto costituzionalmente previsto, come sulla sanità, l’istruzione.. È una strada poco percorribile ma credo ci debbano essere degli strumenti, dei metodi per risolvere la difformità per cui ogni Regione va per conto proprio”. Così Agostino Miozzo, medico e coordinatore del Comitato tecnico-scientifico, si sbottona all’agenzia Dire in merito alle ultime scelte politiche prese dal governo guidato da Giuseppe Conte e dalle Regioni. “I governatori di Regione dovrebbero riflettere sull’incongruenza che oggi abbiamo. In questi giorni diversi presidenti regionali avevano raggiunto un accordo sui tavoli provinciali per definire i criteri di ripristino delle condizioni di sicurezza per gli studenti liceali.. Poi ai primi giorni del nuovo anno sono iniziate le voci discordanti: chi ha proposto di iniziare a metà mese, chi il 7 gennaio, chi addirittura ha proposto di far decidere ai ragazzi se fare la dad o la lezione in presenza. Per me tutto questo è incomprensibile. Dobbiamo individuare dei punti condivisi, una volta per tutte, al di sopra dei quali nessuno andrà a scuola e viceversa. Se non mando i ragazzi a scuola e lascio i centri commerciali aperti c’è qualcosa che non va. Anche la scuola, come il commercio e le attività produttive, è fondamentale. La priorità che stiamo dando all’economia è importante ma se non ci rendiamo conto che la scuola così diventa una Cenerentola – ha concluso Miozzo – allora stiamo fallendo”.

L'IMPREPARAZIONE - “Questa impressionante pandemia ci ha messo di fronte ad una situazione a cui non eravamo preparati, da nessun punto di vista. Non eravamo preparati alla prima ondata, ma nemmeno alle ondate successive. Pensavamo di aver superato l’emergenza durante l’estate, poi a settembre ed ottobre, con il rilassamento estivo, abbiamo pagato un prezzo salato. La pandemia ci ha insegnato a convivere con il virus, l’alternativa è il lockdown totale, con le indicazioni dell’epidemiologo che ci dice di metterci in una capanna e aspettare l’immunità di gregge. Con la disponibilità attuale del vaccino l’immunità la raggiungeremo prima, non servirà necessariamente la capanna, ma ci vorrà comunque tempo. Per la scuola non possiamo immaginare di lasciare i nostri ragazzi, delle scuole superiori, solo con la didattica a distanza per almeno altri quattro-sei mesi, o fino a settembre aspettando l’immunità di gregge“.

LA DAD - “Mesi di dad- spiega Miozzo- significa che, per i nostri ragazzi, per oltre un intero anno non avranno seguito la scuola in presenza, tenuto conto delle nostre prime chiusure del 4 marzo 2020, quando decidemmo che la scuola non era sicura. Un anno in questo modo non è accettabile. La scuola non è scevra dal rischio di contagio. Il centro europeo per il controllo delle malattie ci ha fornito uno studio che ci dice quali sono i livelli di rischio nelle scuole, in Europa, e ci dice che il livello di rischio è analogo a quello che è presente in altre attività produttive, all’esterno dell’ambiente scolastico. Ci dice anche che il livello di rischio è più elevato nelle occasioni extra scolastiche, pre e post scuola, perché nella scuola i ragazzi sono obbligati a comportamenti virtuosi, mascherina, distanziamento e lavaggio delle mani. I ragazzi in sostanza imparano il comportamento virtuoso, come convivere con il Coronavirus. Il problema è quindi fuori dalla scuola: movimentare milioni di persone, personale docente e non docente, aumenta il livello di rischio ma non tanto se a portare un ragazzo a scuola è un genitore, quanto se lo studente sale su un mezzo di trasporto pieno. Poi ci sono le attività extrascolastiche, c’è la movida, ma che riguarda una porzione dei nostri ragazzi, non tutti gli studenti. La movida la vedi, la controlli, mi preoccupano di più i comportamenti dei ragazzi che non vedi, quelli che non puoi vigilare nei comportamenti sbagliati. Poi però ci sono anche i ragazzi che si rifugiano nella ‘capanna’, che non si aggregano e che quindi sono isolati dagli altri, che ci fanno preoccupare altrettanto”.

IL RISCHIO ACCETTABILE - “Non esiste il rischio zero, in nessun posto al mondo- conclude Miozzo- devi andare in montagna da solo, nella capanna per averlo. C’è però un rischio accettabile, calcolato: apriamo le fabbriche perché dobbiamo mantenerci per vivere, questo è un rischio accettabile. Per la scuola il rischio accettabile significa che ci sono tutte le condizioni di sicurezza e soprattutto quelle sanitarie per isolare eventuali contagi o casi sospetti, significa rendere meno affollati i mezzi di trasporto, rendendoli maggiormente sicuri. Oggi abbiamo fatto un comitato tecnico in cui diverse Regioni con Rt sopra la soglia e due altre Regioni hanno chiesto di essere inserite ad un livello superiore rispetto ai dati reali al fine di contenere maggiormente la pandemia. Dobbiamo lavorare in questo senso, di contenimento, per rendere il rischio calcolato e accettabile. La settimana prossima avremo dati che ci indicheranno se le misure restrittive sono state in grado di determinare un abbassamento della curva. Ecco se c’è stato un effetto benefico sulla maledetta curva mi auguro che i presidenti di regione possano consentire quindi un ritorno in presenza della scuola”.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Diego, l’artista che ha fatto male solo a sé stesso 30 novembre 2020 10:01

Diego, l’artista che ha fatto male solo a sé stesso

Maradona era (è!) un genio e come tale avrà sempre chi lo denigrerà, ma la verità sta altrove

ROMA - Quando per tutta una vita hai fatto parlare di te – nel bene o nel male – è difficile smettere. Quando sei stato un autentico modello da seguire per quello che riuscivi a...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Covid, quasi tutta Italia in zona rossa: restrizioni troppo dure o necessarie?

Risultati