Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Motori

Motorsport e sostenibilità: Nico Rosberg e Lucas Di Grassi al workshop SAFE

Motorsport e sostenibilità: Nico Rosberg e Lucas Di Grassi al workshop SAFE

Motorsport, innovazione, energia e mobilità del futuro al centro della Cerimonia di Apertura della XXII edizione del Master SAFE

ROMA - “Uniti per combattere il cambiamento climatico”: è il messaggio che Nico Rosberg e Lucas Di Grassi, campioni del mondo di Formula 1 e Formula E, hanno riservato agli studenti del Master SAFE in “Gestione delle Risorse Energetiche”, in occasione del workshop “SAFE Racing. Innovation, technology & sustainable mobility”.

L’evento ha focalizzato l’attenzione sulle ultime sfide e novità che legano innovazione tecnologica e sostenibilità alle più recenti competizioni motoristiche internazionali con motori a propulsione elettrica: FIA Formula E World Championship, FIM Enel Moto World Cup, Extreme E e E1 UIM World Electric Powerboat Series.

CLICCA QUI PER GLI HIGHLIGHTS DELL'EVENTO

Competizioni spettacolari, che vanno in scena su storici circuiti e iconiche città, ma anche deserti, foreste, ghiacciai, mari e laghi del nostro Pianeta.

E’ il caso della nuovissima Extreme E: “L’idea di portare i SUV elettrici nei luoghi più estremi e remoti del mondo – ha evidenziato, in apertura dibattito, Alejandro Agag, founder della competizione e Presidente della Formula E – nasce dall’esigenza di attirare l’attenzione dell’opinione pubblica sui danni causati dagli effetti del cambiamento climatico, stimolando le nuove generazioni ad essere parte attiva del cambiamento”.

Il ruolo chiave dello sport nella promozione di iniziative sostenibili e di responsabilità sociale è stato approfondito – durante il talk – da Raffaele Chiulli, Presidente SAFE, GAISF (Global Association of International Sports Federations) e UIM (Union Internationale Motonautique): “Attraverso le nostre iniziative – ha sottolineato Chiulli – non solo siamo in grado  di incoraggiare l’azione, ma anche di puntare i riflettori sul contributo significativo dello sport nella promozione degli obiettivi di sviluppo sostenibile”.

Proprio la sostenibilità è l’asse su cui poggia una nuova grande iniziativa: la nascita della formula elettrica nel settore della motonautica. Tra gli artefici del progetto, Rodi Basso: “Attraverso questa competizione – ha commentato il CEO di E1 Series – accelereremo la diffusione della tecnologia elettrica nell’industria nautica, coniugando gli enormi progressi tecnologici con l’esperienza delle corse automobilistiche”.

CLICCA QUI PER GLI HIGHLIGHTS DELL'EVENTO

Dal mondo delle imprese, Francesco Venturini, Amministratore Delegato di Enel X, ha sottolineato come “la sostenibilità debba essere un valore accessibile e alla portata di tutti”. “A tal proposito, il coinvolgimento attivo di Enel X all’interno delle competizioni motoristiche – ha proseguito Venturini – testimonia il nostro impegno nella promozione costante dello sviluppo della mobilità elettrica, a livello globale”.

Dal motorsport all’energia: in chiusura dell’evento è intervenuto Stefano Besseghini, Presidente di ARERA – Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente. “Dobbiamo essere consapevoli che la transizione energetica è un argomento complesso da affrontare con un approccio multilaterale e con il contributo di tutte le parti coinvolte”, ha concluso Besseghini.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Diego, l’artista che ha fatto male solo a sé stesso 30 novembre 2020 10:01

Diego, l’artista che ha fatto male solo a sé stesso

Maradona era (è!) un genio e come tale avrà sempre chi lo denigrerà, ma la verità sta altrove

ROMA - Quando per tutta una vita hai fatto parlare di te – nel bene o nel male – è difficile smettere. Quando sei stato un autentico modello da seguire per quello che riuscivi a...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Covid, quasi tutta Italia in zona rossa: restrizioni troppo dure o necessarie?

Risultati