Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Tecnologia

Sanità, nuove competenze tecnico-infermieristiche in emodinamica

Sanità, nuove competenze tecnico-infermieristiche in emodinamica

In Sicilia presenti 23 Cath Lab che erogano servizi di natura diagnostica (coronarografia) e terapeutica (angioplastica coronarica e cardiologia strutturale)

di Alessia Salmoni

ROMA - Dalla gestione del paziente sul lettino operatorio pre, intra e post-procedura, al controllo di tutti i devices presenti in sala operatoria, passando per il supporto nella fase chirurgica: la professionalità e le competenze tecnico-infermieristiche devono affrontare quotidianamente nuove sfide dettate dalle tecnologie e dalle innovazioni procedurali. Soprattutto nell’ambito della cardiologia interventistica, dove i ruoli dell’infermiere e del tecnico di emodinamica sono assolutamente centrali: basti pensare che solo in Sicilia sono presenti 23 Cath Lab (laboratori di emodinamica), che erogano servizi di natura diagnostica come la coronarografia, o di natura terapeutica, come l'angioplastica coronarica e la cardiologia strutturale (valvole cardiache, chiusura auricola, chiusura di difetti interatriali), con circa 30mila prestazioni annuali e 200 infermieri al lavoro.

I WEBINAIR - Da qui l’importanza dei webinar che sono partiti da oggi, sabato 10 aprile, alle ore 10.00 – e proseguiranno con altre tre date – patrocinati da Sici-Gise (Società italiana di cardiologia interventistica) con l’accreditamento del ministero della Salute, rivolti a una platea nazionale di addetti ai lavori coinvolti nel monitoraggio dei pazienti in emodinamica. «In questi corsi sulle competenze tecnico-infermieristiche – sottolinea Giovanni Coppola (Umberto I di Siracusa), delegato Area Nursing & Technicians Gise e responsabile scientifico dell’evento che vedrà una faculty prevalentemente siciliana - cercheremo di dare il punto di vista introduttivo e scientifico della nostra Società di Cardiologia Interventistica Sici-Gise, con un documento che contiene spunti di riflessione e strumenti di lavoro per la formazione nei nostri Cath Lab. Tra le varie competenze è richiesta la conoscenza dell’elettrocardiografia, del monitoraggio emodinamico del paziente e delle metodiche di imaging. Verranno sviluppati inoltre scenari clinici tipici che si presentano ogni giorno durante l’attività: episodi di bradiaritmie, tachiaritmie, instabilità emodinamica, emergenze–urgenze, che tutto il personale infermieristico deve affrontare con consapevolezza, conoscenza e preparazione».

LA PROCEDURA - Basti pensare che ogni procedura coronarografica richiede generalmente la presenza di un medico emodinamista, un tecnico radiologo e due infermieri di emodinamica, che si occupano di controllare i parametri vitali del paziente, di somministrare i farmaci, preparare correttamente gli strumenti e assistere il medico nell’esecuzione delle procedure, fino al monitoraggio e verifica della corretta emostasi arteriosa, arginando tempestivamente l'insorgenza di complicanze vascolari quali emorragie, ematomi o aritmie.

L'INESISTENZA DELL'ITER - Al momento non esiste un iter formativo didattico specifico per diventare infermiere di emodinamica: la formazione avviene sul campo, in affiancamento a una risorsa esperta per almeno 6 mesi. Corsi di perfezionamento sugli strumenti e le tecniche utilizzate diventano dunque fondamentali per professionalizzare ulteriormente il personale. Quattro appuntamenti (10 aprile “Elettrocardiografia di base e monitoraggio del paziente in Cath Lab”, 8 maggio “Le infezioni correlate all'assistenza in Cath Lab: nuove evidenze e sterilità. La sala ibrida”, 29 maggio “Le metodiche di imaging coronarico: IVUS” e 12 giugno “Trattamento delle stenosi coronariche calcifiche: nuove metodiche e tecniche consolidate per il personale tecnico infermieristico”) supportati da Archigen e Boston Scientific, per declinare le conoscenze derivanti dalle reali attività assistenziali e chirurgiche, con lo scopo di definire standard qualitativi e quantitativi, fornendo un supporto pratico ad un percorso che mira a innalzare i livelli di assistenza.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Diego, l’artista che ha fatto male solo a sé stesso 30 novembre 2020 10:01

Diego, l’artista che ha fatto male solo a sé stesso

Maradona era (è!) un genio e come tale avrà sempre chi lo denigrerà, ma la verità sta altrove

ROMA - Quando per tutta una vita hai fatto parlare di te – nel bene o nel male – è difficile smettere. Quando sei stato un autentico modello da seguire per quello che riuscivi a...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Covid, quasi tutta Italia in zona rossa: restrizioni troppo dure o necessarie?

Risultati