Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Economia

SHARE NOW chiude il 2021 raggiungendo i 3,4 milioni di utenti in Europa

SHARE NOW chiude il 2021 raggiungendo i 3,4 milioni di utenti in Europa

Italia al secondo posto tra i paesi con il più alto numero di iscritti e con più auto disponibili, dopo la Germania

ROMA – Il car sharing di SHARE NOW, operatore leader di mercato, continua la sua inarrestabile espansione raggiungendo quota 3,4 milioni di utenti distribuiti nelle 16 città europee in cui opera. Solo nel 2021, sono state quasi 540.000 le nuove registrazioni al servizio. Ciò corrisponde ad una crescita del 30% in più rispetto all’anno precedente.

"Sebbene il 2021 sia stato ancora segnato dagli impatti della pandemia, SHARE NOW ha ottenuto ottimi risultati. Ci siamo concentrati sul rafforzamento del nostro prodotto e sulla soddisfazione delle nuove esigenze di mobilità degli utenti. Grazie al nostro impegno costante, oltre mezzo milione di nuovi clienti hanno optato per il nostro servizio nel solo 2021” - ha dichiarato Olivier Reppert, CEO di SHARE NOW - “Un altro passo importante è stato il potenziamento della nostra flotta. Includendo i nuovi modelli Citroën, FIAT e Peugeot, non solo abbiamo confermato di avere la flotta più variegata del mercato, ma abbiamo anche reso la mobilità dei nostri utenti ancora più flessibile”.

Anche nel Bel Paese, SHARE NOW chiude un 2021 di successo: l’Italia, infatti, con 725.000 iscritti totali e circa 2.000 veicoli in condivisione, si attesta al secondo posto nella classifica dei Paesi con il più alto numero di iscritti e con più auto disponibili, subito dopo la Germania.

Roma è la città italiana in cui SHARE NOW conta il maggior numero di affiliati, avendo già superato le 300.000 iscrizioni. Milano, invece, registra la miglior crescita sia a livello di distanza media che di durata media percorsa a noleggio: nel capoluogo meneghino, infatti, un viaggio SHARE NOW dura di media 10km (+26% rispetto al 2020) e 57 minuti (+19%). Nonostante la crescita stabile rispetto all’anno precedente, degni di nota anche i numeri delle altre location italiane: a Roma di media vengono percorsi 12 km e 74 minuti, mentre a Torino 7 km e 32 minuti.

La crescita della percorrenza media è una conseguenza del picco di noleggi effettuati con l'opzione a lungo termine di SHARE NOW che permette di prenotare l’auto da 1 a 30 giorni consecutivi. Per questi noleggi, i clienti hanno la possibilità di prenotare gratuitamente e anticipatamente un’auto fino a 100 giorni prima. In Italia, questa funzione “pre-booking” è stata accolta positivamente avendo registrato un aumento del 183% rispetto al 2020. Torino, in questo caso, è la città con la maggior crescita, più che triplicando il numero di noleggi effettuati tramite la prenotazione anticipata (+256%). Milano e Roma segnano rispettivamente un +194% e +144% rispetto all’anno precedente.

Numeri in crescita anche per il prodotto dedicato alle aziende, SHARE NOW for Business: circa 500 nuove aziende si sono iscritte con il Corporate Account nell’ultimo anno e, confrontando il 2020 rispetto al 2021, sia la durata media che la distanza media dei noleggi aziendali sono aumentate rispettivamente del 43% e del 39%. Dalle analisi dei dati possiamo anche aggiungere che un noleggio business è dell’80% più lungo, in termini di durata, rispetto ad un noleggio normale.

Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti

Eventi

Editoriale

Serie A, il protagonismo degli arbitri ha messo ko il calcio 5 febbraio 2022 17:15

Serie A, il protagonismo degli arbitri ha messo ko il calcio

Il calcio italiano è finito. Ora mancano solo i titoli di coda

ROMA – Ancora arbitro protagonista in Serie A. Nel corso di Roma-Genoa, valevole per la 24ª giornata del massimo campionato, il signor Rosario Abisso annulla, dopo la consultazione del...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Covid, il 31 marzo è la data giusta per togliere lo stato di emergenza?

Questo sondaggio è chiuso.

  • 54.5 %
  • No 45.5 %
Vai alla pagina dei sondaggiLeggi l'articolo