Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Parlamento Europeo

Violazioni dei diritti umani in Uganda, Ruanda e Kazakistan

Violazioni dei diritti umani in Uganda, Ruanda e Kazakistan

Il governo ugandese deve porre fine alla repressione dell'opposizione e della società civile

di Giacomo Zito

 

BRUXELLES - Giovedì il Parlamento europeo ha adottato tre risoluzioni che fanno il punto sulla situazione dei diritti umani in Uganda, Ruanda e Kazakistan. Il Parlamento deplora che le elezioni generali del 14 gennaio in Uganda non siano state né democratiche né trasparenti. I deputati condannano inoltre l'uso eccessivo della forza da parte della polizia e delle forze armate durante le elezioni e la loro crescente ingerenza negli affari politici.

IN UGANDA - La risoluzione condanna la violenza, le continue molestie e la repressione sistematica cui sono confrontati i leader dell'opposizione politica in Uganda, nonché la repressione della società civile. Tutti gli arrestati e detenuti per aver partecipato ad assemblee politiche pacifiche o per aver esercitato il loro diritto alla libertà di espressione e associazione devono essere rilasciati immediatamente e incondizionatamente e le loro accuse devono essere ritirate, afferma il testo. Infine, il Parlamento ribadisce che le sanzioni contro le persone e le organizzazioni responsabili di violazioni dei diritti umani in Uganda devono essere adottate nell'ambito del nuovo meccanismo di sanzione dei diritti umani dell'UE, il cosiddetto EU Magnitsky Act.

IN RUANDA - I deputati condannano la sparizione forzata, la consegna illegale e la detenzione in incommunicado del difensore dei diritti umani ruandese, critico del governo e vincitore della medaglia presidenziale della libertà Paul Rusesabagina, la cui storia è stata raccontata nel film del 2004 Hotel Rwanda. Il signor Rusesabagina, cittadino belga e residente negli Stati Uniti, è stato trasferito con la forza da Dubai a Kigali in circostanze poco chiare il 27 agosto dello scorso anno. È riapparso solo il 31 agosto presso la sede dell'Ufficio investigativo ruandese. Inizialmente è stato accusato di 13 reati, tra cui finanziamento del terrorismo, rapina a mano armata e tentato omicidio. Alcune accuse sono state successivamente ritirate, con quelle rimaste relative agli eventi verificatisi nelle regioni di Nyaruguru e Nyamagabe del paese nel 2018.

UNA INDAGINE - Il Parlamento chiede un'indagine internazionale sulla questione ed esprime la sua profonda preoccupazione per la violazione dei diritti dell'onorevole Rusesabagina. I deputati esortano le autorità ruandesi a consentirgli di sottoporsi a un'udienza equa e pubblica da parte di un tribunale competente, indipendente e imparziale che applica gli standard internazionali sui diritti umani e gli concedono consulenza legale di sua scelta. Date le condizioni mediche di Rusesabagina, i deputati chiedono al governo ruandese di garantire, in ogni circostanza, il suo benessere fisico e psicologico e l'accesso a farmaci adeguati.

 

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Diego, l’artista che ha fatto male solo a sé stesso 30 novembre 2020 10:01

Diego, l’artista che ha fatto male solo a sé stesso

Maradona era (è!) un genio e come tale avrà sempre chi lo denigrerà, ma la verità sta altrove

ROMA - Quando per tutta una vita hai fatto parlare di te – nel bene o nel male – è difficile smettere. Quando sei stato un autentico modello da seguire per quello che riuscivi a...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Covid, quasi tutta Italia in zona rossa: restrizioni troppo dure o necessarie?

Risultati