Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Cronaca

Approvato il nuovo Dpcm per contenere la pandemia da Covid-19. Ecco tutti i punti nel dettaglio

Approvato il nuovo Dpcm per contenere la pandemia da Covid-19. Ecco tutti i punti nel dettaglio

Nuovi limiti per locali e palestre sotto sorveglianza speciale per una settimana. Ingressi posticipati a scuola e possibilità di coprifuoco

di Stefania Abbondanza

ROMA - Spetterà ai sindaci di ogni comune decidere se applicare o meno il coprifuoco nel proprio territorio di competenza. Intanto vengono stabilite nuove limitazioni a bar e ristoranti, fermati gli sport di squadra dilettantistici e palestre e piscine vengono messe sotto esame, almeno per una settimana. Queste in sintesi le decisioni prese nel nuovo Decreto del presidente del Consiglio dei ministri così come presentate da Giuseppe Conte in conferenza stampa ieri sera. Le regole entreranno in vigore da subito.

IL COPRIFUOCO - Viene lasciato ai sindaci la possibilità di scegliere se applicare o meno il coprifuoco dopo le 21.00. Il che vuol dire che si deciderà di città in città se imporre lo svuotamento di vie e piazze dove potrebbero crearsi assembramenti, lasciando la possibilità comunque ai cittadini di tornare a casa o di muoversi in completa libertà.

SPORT - Vengono vietati tutti gli sport di contatto a livello amatoriale e le gare dilettantistiche in ambito provinciale. Diverso per le gare sportive a livello regionale e nazionale per professionisti e dilettanti, che invece verranno ancora permesse. Via libera, inoltre, all’attività sportiva e motoria all’aperto, oltre a sessioni di allenamento per sport di squadra (evitando sempre il contatto).

PALESTRE E PISCINE - Per i luoghi al chiuso in cui svolgere attività sportiva, come palestre e piscine, il governo ha deciso di dare una settimana di tempo per adeguarsi ai protocolli di sicurezza. Altrimenti è prevista la chiusura. "L'attività sportiva di base e l'attività motoria in genere svolte presso palestre, piscine, centri e circoli sportivi, pubblici e privati, ovvero presso altre strutture ove si svolgono attività dirette al benessere dell'individuo attraverso l'esercizio fisico, sono consentite nel rispetto delle norme di distanziamento sociale e senza alcun assembramento, in conformità con le linee guida emanate dall'Ufficio per lo sport, sentita la Federazione medico sportiva italiana (FMSI), fatti salvi gli ulteriori indirizzi operativi emanati dalle Regioni e dalle Province autonome", si legge nella bozza del decreto.

SCUOLA - Sulle scuole si è deciso per una didattica alternata (distanza e presenza) alle superiori. A questo, si unisce anche la richiesta di una maggiore diversificazione per gli orari di entrata e uscita dalle classi “anche attraverso l'eventuale utilizzo di turni pomeridiani e disponendo che l'ingresso non avvenga in ogni caso prima delle 9.00”, si legge nel decreto. Maggiore libertà per le università, invece, dove viene richiesto un piano di organizzazione a seconda delle esigenze formative e tenendo comunque sempre in considerazione l’evoluzione del quadro pandemico territoriale.

BAR E RISTORANTI - A tutte le attività di ristorazione è permesso di rimanere aperti dalle 5.00 alle 24.00 con consumo al tavolo. Consentite al massimo sei persone per tavolo. Sempre consentita, invece, la ristorazione con consegna a domicilio, ma sempre nel rispetto delle norme igienico-sanitarie. 

CINEMA, TEATRI E SALE GIOCHI - Tutte le sale possono rimanere aperte. Massimo 100 spettatori per teatri e cinema all’aperto e massimo 200 per quelli al chiuso, numero valido per ogni singola sala. Le attività di sale giochi, sale scommesse e sale bingo, invece, sono consentite dalle ore 8.00 alle ore 21.00.

SAGRE E FIERE - Sono vietate le sagre e le fiere di comunità. Restano consentite le manifestazioni fieristiche di carattere nazionale e internazionale.

ESAMI SCUOLA GUIDA - È disposta la temporanea sospensione delle prove pratiche di guida.

CONGRESSI E RIUNIONI - Sospese seduta stante tutte le attività convegnistiche o congressuali, ad eccezione di quelle che si svolgono con modalità a distanza. Per  le cerimonie pubbliche, invece, viene richiesto che vengano assicurate le specifiche misure idonee a limitare la presenza del pubblico. Fortemente raccomandato svolgere anche le riunioni private in modalità a distanza. 

PARRUCCHIERI E CENTRI ESTETICI - Rimangono aperti tutti i parrucchieri e centri estetici, l’importante è che, come negli altri casi, rispettino i protocolli di sicurezza.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati