Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Arte e Cultura

Conversazioni interrotte: quando il telefono ci osserva e parla di noi

Conversazioni interrotte: quando il telefono ci osserva e parla di noi

Si tratta di un'opera all'avanguardia linguistica e strutturale

di Giordano D'Angelo

TORINO - La scrittura avanguardista e pioneristica della prolifica scrittrice Barbara Appiano, autrice di numerosi libri, romanzi, e saggi di formazione destinati alle scuole, si rivela ancora una volta in un azzardo linguistico, satirico e ironico, in un'opera in cui a parlare è un telefono cellulare. "Lui" parla in prima persona di noi, dell'umanità tecnodipendente intossicata dal mondo virtuale e relativa sindrome di narcisismo acuto coadiuvato dall'ossessione compulsiva di "messaggiare costantamente".

MODERNO - Si tratta di un'opera all'avanguardia linguistica e strutturale, in cui la grammatica è la matematica dell'ironia, che già dal titolo  "Conversazioni interrotte, manuale di antropologia telefonica a denominazione di origine incontrollata" ci aspettiamo una narrazione fuori dal comune, dove parlano gli oggetti che l'autrice fa parlare quasi avessero un'anima. Si tratta di uno smartphone, l'io narrante di quest'ultima opera, un telefono umanizzato che diventa l'io che parla a nome di tutti i cellulari diventati una presenza costante e ossessiva, che ha ispirato l'autrice spesso in viaggio sui treni, che si ritrova a prendere durante le trasferte culturali.

IL RACCONTO - È qui che l'autrice si trova vis a vis con viaggiatori ostaggio di telefoni, e relativi auricolari, che con lo sguardo perso nel vuoto parlano come scrive l'autrice "da soli", nella moltitudine degli altri viaggiatori. Ma in realtà si tratta di solitudine visto che come scrive la Appiano se mai un gentiluomo del diciannovesimo secolo ritornasse dal suo secolo per entrare nel nostro, il ventunesimo, non ci capirebbe mentre parliamo da soli passeggiando, mangiando e forse anche "dormendo".

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Calcio, dal barcone al pallone: il razzismo a convenienza 13 luglio 2020 10:02

Calcio, dal barcone al pallone: il razzismo a convenienza

Lo straniero, secondo una diffusa mentalità, è da denigrare solo quando è avversario

ROMA - La coerenza, ce ne stiamo accorgendo, non è cosa di questi tempi. Ciò che oggi sosteniamo strenuamente, domani condanniamo in maniera forte e convinta; senza che questa sia...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Coronavirus, app Immuni: siete favorevoli o contrari?

Risultati