Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Spettacolo

Il problema della casa a Venezia: al teatro L'Avogadria lo spettacolo "Il Mercato di Venezia"

Il problema della casa a Venezia: al teatro L'Avogadria lo spettacolo "Il Mercato di Venezia"

Uno spaccato che rappresenta motivo di maggior ansia per i residenti del capoluogo veneto

di Stefania Abbondanza

VENEZIA - È una delle fonti di maggior ansia per quasi tutti i residenti. Il problema della casa, nella Serenissima è al centro dello spettacolo “Il Mercato di Venezia” in programma Sabato 11 gennaio 2020, ore 21.00, al Teatro a l’Avogaria di Venezia (Dorsoduro 1607).

IL MERCATO DELLA CASA - Prodotto dall’Associazione P.E.R. (Pensare elaborare rappresentare) Venezia consapevole si basa su nove monologhi brevi, relativi al mercato della casa e della dimora come luogo simbolico, fonte spesso di ansia e non più luogo protettivo. Casa da acquistare, casa da cui si subisce lo sfratto, o dove si minaccia una forzata fuoriuscita, casa intorno a cui esplodono rumori di giorno e di notte, casa magari antica, tratta dal Mercante di Venezia.  Parlano cittadini di Venezia, del presente e del passato (vedi appunto il rimando al Merchant of Venice shakespeariano), in italiano e in veneziano, creando una sorta di mappatura della città. E magari prende la parola pure un antico masegno decaduto e spostato rispetto a nobili collocazioni. Il mercato di Venezia rappresenta una drammaturgia di gruppo, in quanto quasi tutti i monologhi sono resi dagli stessi autori, nell’unità di concepimento e di esecuzione. La regia è a cura di Paolo Puppa che ha coordinato la drammaturgia assieme a Maggie Rose. Quest’ultima ha altresì diretto la traduzione inglese del copione in vista di repliche a Edimburgo nel 2020. Gli interpreti sono Luca Bagnoli, Luca Colferai, Alberto Madricardo, Paolo Puppa, Adriana Tosi, Cristina Valentini. Guia Varotto. 

L'ASSOCIAZIONE - L’Associazione Teatro a l’Avogaria, nasce nel 1969 dalla passione e dalla tenacia di Giovanni Poli, già fondatore del Teatro Universitario Ca’ Foscari di Venezia e dagli esordi si pone come laboratorio di ricerca che coniuga un metodo d’improvvisazione teatrale tra la Commedia dell’Arte e le Teorie dell’Avanguardia. In più di quarant’anni di attività ha prodotto oltre sessanta spettacoli tra cui la “Commedia degli Zanni”, rappresentata con successo sui più importanti palcoscenici internazionali. Riconosciuta come uno dei centri di formazione professionale di riferimento nel Triveneto, ogni anno organizza corsi, dedicati ad appassionati e professionisti, su discipline quali recitazione, Commedia dell’Arte, dizione, storia del teatro, canto, tecnica dell’interpretazione. 

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Sardine, “Lascia o raddoppia” in vista di future elezioni 1 giugno 2020 10:02

Sardine, “Lascia o raddoppia” in vista di future elezioni

Il movimento si auto-dichiara in aperta opposizione al populismo, eppure...

“Tempi duri per i troppo buoni” recitava e recita tuttora un adagio popolare, che sta a sottolineare come la mancanza di malizia o scaltrezza possa lasciare dietro i più puri o,...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Serie A, è giusto ripartire?

Risultati