Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Economia

Indennità di 600 euro anche per addetti vendita, per AVEDISCO è una grande vittoria

Indennità di 600 euro anche per addetti vendita, per AVEDISCO è una grande vittoria

VEDISCO si è battuta dialogando con le autorità per supportare gli Incaricati, una categoria fortemente colpita dalla crisi

di Valerio Cruciani

MILANO -  Con grande soddisfazione, AVEDISCO – Associazione Vendite Dirette Servizio Consumatori – annuncia che le intense azioni di sensibilizzazione intraprese dalla nostra Associazione hanno avuto esito positivo. Grazie al Decreto interministeriale n. 10 del 30 aprile 2020 la misura pari a 600 euro per il mese di marzo 2020, è stata estesa anche agli Incaricati alla Vendita a Domicilio.

GLI INCARICATI VENDITE - AVEDISCO si è battuta dialogando con le autorità per supportare gli Incaricati, una categoria fortemente colpita dalla crisi; il riconoscimento dell’indennità risulta per noi una vera e propria vittoria oltre che un atto di doverosa giustizia nei confronti dei nostri Incaricati e delle loro famiglie.

IL DECRETO - Il suddetto Decreto ricomprende specificatamente la categoria degli Incaricati alle Vendite a domicilio con reddito annuo 2019 derivante dalle medesime attività superiori a 5.000 euro e titolari di partita IVA attiva e iscritti alla Gestione Separata alla data del 23 febbraio 2020 e non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie.

ATTESA - L’Associazione attende ora istruzioni operative da parte di INPS per le modalità di richiesta dell’indennità prevista per il mese di marzo. Per quanto riguarda l’indennità per i mesi di aprile e maggio, AVEDISCO continuerà a monitorare le bozze del Decreto “Rilancio”, all’interno del quale saranno rese note le disponibilità riconosciute agli Incaricati alla Vendita a domicilio.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati