Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Turismo

La Pasqua a Merano è divertimento, tradizione, sorpresa

La Pasqua a Merano è divertimento, tradizione, sorpresa

E un’occasione per assaporare l’inizio della primavera regalandosi anche una pausa di relax e benessere

di Valerio Cruciani

MERANO – Come a Natale e ad ogni festa che si rispetti, anche a Pasqua ogni regione mette in scena le sue tradizioni e in Alto Adige il periodo pasquale è un appuntamento che non bisogna assolutamente perdere. Per le suggestive processioni che trasformano le strade di paese in spettacolari tableaux vivants, per l’atmosfera gioiosa che si respira un po’ ovunque e per le antiche usanze che rendono questi giorni davvero speciali.

PASQUA - A Merano, perla dell’Alto Adige incastonata nella verde Val Passiria, Pasqua vuol dire primavera, sole, luce, colori, profumi: qui la natura si risveglia in anticipo grazie al microclima particolare, e nella città dei parchi, delle passeggiate, dei viali e dei giardini la fragranza delle forsizie si diffonde nell’aria, i boccioli sui rami esplodono e le temperature miti invitano a godere delle belle giornate di sole, tra una piacevole camminata lungo il Passirio, un giro in bicicletta o un caffè in uno dei tanti baretti all’aperto. Il periodo pasquale è anche l’occasione per visitare i bellissimi Giardini di Castel Trauttmansdorff, appena riaperti dopo la pausa invernale: 12 ettari di verde terrazzato che in un suggestivo anfiteatro naturale riuniscono paesaggi esotici e mediterranei, vedute mozzafiato sugli scenari montani circostanti e sulla città baciata dal sole.

TRADIZIONE - Pasqua è anche tradizione: la Domenica, ad esempio, per i meranesi è un’occasione per indossare gli abiti tradizionali e andare in chiesa per celebrare la Resurrezione, per poi sedersi a tavola, sfidarsi nella tradizionale battaglia delle uova sode, il cosiddetto “Pecken” (una serie di duelli ad eliminazione diretta che consistono nel rompere l’uovo dell’avversario, prima con le due estremità e poi con le due parti più rotonde. Vince, ovviamente, l’uovo che non si rompe!) e gustare le mille delizie della tradizione gastronomica altoatesina, il “Fochaz” (il pane), il prosciutto di Pasqua con la salsa di rafano, gli asparagi bianchi, lo speck, l’agnello e la dolce corona di pasta lievitata... Il giorno di Pasquetta, invece, apre ufficialmente la stagione delle corse all’Ippodromo di Maia, protagonisti i magnifici cavalli Avelignesi: un appuntamento che richiama con i suoi giovani fantini e i cavalli dalla chioma d’oro grandi schiere di pubblico di ogni età. E prima delle gare che vedono gli “Haflinger” sfidarsi al galoppo, il centro storico della città è teatro di una grande festa con il corteo dei cavalli, le bande musicali, i gruppi folcloristici e molte altre sorprese.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Calcio, Fair Play Finanziario: da soluzione a problema 13 settembre 2017 10:03

Calcio, Fair Play Finanziario: da soluzione a problema

Tre giocatori del PSG (Neymar, Cavani e Mbappé) valgono più di 8 squadre di Serie A: i divari, invece di assottigliarsi, aumentano

ROMA – “Non è un paese per vecchi”, recitava nel 2007 il titolo di un film dei fratelli Coen. Parafrasando, in parte, questa frase, si potrebbe dire che il calcio, ormai,...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Calcio, Roberto Mancini è il nuovo CT dell'Italia: è la scelta giusta?

Risultati