Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Motori

Perché Nissan dice no al tablet

Perché Nissan dice no al tablet

Lo schermo orizzontale “a onda” del concept Ariya è creato su misura per l’occhio umano

di Claudio Carassiti

ROMA - Ormai è una tendenza consolidata: tra le nuove auto sono sempre di più quelle dotate di schermi simili a tablet al centro del cruscotto. Questi display di grandi dimensioni sicuramente attirano l’attenzione durante i motor show, ma chi lavora alla creazione dei veicoli del futuro deve considerare anche altri fattori, con l’obiettivo di conciliare design, tecnologia e funzionalità.

LO SVILUPPO - Per lo sviluppo del display del concept Ariya, Nissan ha scelto un approccio innovativo, anteponendo il design e la visione rispetto alle ultime tendenze del settore. Al posto dello schermo in formato tablet, il crossover elettrico presenta un display composto da due schermi con un andamento curvilineo che ricorda un’onda, integrandosi agli altri elementi che richiamano l’idea dell’orizzonte, dalle portiere, alla parte posteriore dell’abitacolo.

IL LINGUAGGIO - La struttura riflette il Timeless Japanese Futurism, il nuovo linguaggio del design Nissan, che trova espressione anche nello “shield” frontale del concept Ariya”. La disposizione orizzontale non risponde solo a esigenze estetiche.

DURANTE LA GUIDA - «Durante la guida l’occhio umano tende naturalmente a guardare da un lato all’altro,” spiega Tomomichi Uekuri, Senior Manager del team di progettazione HMI. “Il cervello è in grado di vedere e assorbire più informazioni se vengono collocate in orizzontale. Anche la visione periferica funziona in questo modo». Oltre a presentare le informazioni in modo più adatto al funzionamento dell’occhio, il display si trova in una posizione più sicura, nella linea di vista del guidatore, più vicino alla strada. Combinandosi con l’estetica dell’abitacolo ispirata all’orizzonte, il display diventa parte integrante del cruscotto. Per definire il concetto, il team di progettisti Nissan ha scelto il termine engawa – lo spazio indefinito tra il luogo in cui si è e il luogo in cui si sta andando.

GLI SCHERMI - Il display del concept Nissan Ariya visualizza le informazioni di guida raggruppando il quadro strumenti con modalità simili alle auto tradizionali, mentre lo schermo centrale è dedicato alle informazioni di intrattenimento, ai comandi delle funzionalità di comfort e allo stato del sistema. Entrambi sono integrati in un elegante pannello che scorre senza interruzioni tra il guidatore e il passeggero. Nonostante la presenza di due schermi, le informazioni possono essere spostate o fatte scorrere da un display all’altro, dando la sensazione di un elemento unico. Ad esempio, è possibile visualizzare le indicazioni e le mappe stradali davanti al volante, se lo si desidera, per poi spostare questi dati al centro o farli scomparire quando non servono più.

IL RISULTATO - Il risultato è un display raffinato e coerente, percepito come parte integrante del design interno del concept Nissan Ariya e non come un elemento isolato ed estemporaneo

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Covid-19, non è andato tutto bene 27 luglio 2020 10:01

Covid-19, non è andato tutto bene

Dopo tanta solidarietà sbandierata ai quattro venti, le parole e le promesse sono rimaste vane

ROMA - “Andrà tutto bene”. Uno slogan che, da marzo, ha accompagnato quotidianamente l’emergenza generata in Italia dalla pandemia di Coronavirus. Ecco, a ben vedere lo...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati