Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Arte e Cultura

Prove Aperte: l’impegno per il non profit è musica

Il ciclo di quattro appuntamenti 2020 raccoglie fondi per sostenere organizzazioni non profit milanesi

di Stefania Abbondanza

MILANO – Con l’anteprima gratuita in programma domenica 3 novembre in occasione dell’apertura della Stagione Filarmonica con Riccardo Chailly, s’inaugura l’undicesima edizione di Prove Aperte della Filarmonica della Scala, iniziativa realizzata in collaborazione con Comune di Milano, il Main Partner UniCredit, UniCredit Foundation ed Esselunga. Anche nella prossima stagione il frequentatissimo ciclo benefico permette al pubblico di assistere alle prove dei concerti aprendo le porte del Teatro alla Scala a prezzi contenuti con una finalità sociale: quattro appuntamenti a pagamento, dal 2 febbraio all’11 ottobre 2020, che anticipano i rispettivi concerti in cartellone, raccolgono fondi per altrettanti progetti di associazioni non profit milanesi. Il ciclo Prove Aperte 2020 è dedicato a quattro associazioni che a Milano ospitano e assistono le famiglie di bambini e ragazzi, provenienti da tutta Italia, ricoverati nei più importanti ospedali milanesi.

QUANDO - Si comincia domenica 2 febbraio 2020 con la prova aperta a favore di OBM - Ospedale dei Bambini di Milano Buzzi Onlus, diretta da Ottavio Dantone. Domenica 1 marzo 2020 la prova è destinata alla Fondazione Visitatrici per la Maternità Ada Bolchini Dell’Acqua Onlus, con Marc Albrecht direttore e Kian Soltani al violoncello. Domenica 15 marzo 2020 è la volta della serata a sostegno di PIM Pio Istituto di Maternità Onlus, diretta da Pablo Heras-Casado con la partecipazione del violinista Renaud Capuçon. Il ciclo si chiude domenica 11 ottobre 2020 con la prova diretta da Myung-Whun Chung a sostegno di LILT Lega italiana per la Lotta contro i Tumori - Sezione Provinciale di Milano.

L’ANTEPRIMA - L’anteprima gratuita di domenica 3 novembre alle ore 19.30 è riservata alle persone seguite dai Servizi Sociali del Comune di Milano. I biglietti sono distribuiti dall’Ufficio Centri Socio Ricreativi Comunali e dall’Ufficio Politiche giovanili. Riccardo Chailly dirige la Sinfonia n. 2 e la Sinfonia n. 3 Eroica di Beethoven nell’ambito del ciclo dedicato al 250° anniversario del compositore e che apre la Stagione di Concerti 2019-2020 della Filarmonica della Scala.

BAMBINI E ANZIANI - Cura dei bambini e degli anziani, lotta alla povertà, assistenza alle persone con disabilità, ricerca scientifica, iniziative per i giovani delle periferie. L’impegno di questi anni ha portato l’attenzione su molti e diversi bisogni della comunità. Oggi un pubblico di appassionati ha reso le Prove Aperte un momento importante di solidarietà per tutta la città. Il progetto testimonia, ancora una volta, la preziosa sinergia tra istituzioni milanesi e la straordinaria adesione dei cittadini, che ne ha decretato il successo in questi anni con una raccolta prossima al traguardo di un milione e duecentomila euro devoluti al terzo settore. Il risultato è frutto di una felice intuizione, un progetto unico nel suo genere che ha appena festeggiato dieci anni di collaborazione tra la Filarmonica della Scala – con i direttori, i solisti ospiti e i musicisti tutti –, il Teatro alla Scala, il Comune di Milano e il Main Partner della Filarmonica UniCredit. Fondamentale il ruolo e il sostegno di UniCredit Foundation, che individua ogni anno l’area d’intervento, valuta i progetti presentati dalle organizzazioni non profit e copre i costi organizzativi. Grazie anche alla collaborazione di Esselunga, che dallo scorso anno partecipa all’iniziativa, l’incasso delle serate è interamente devoluto alle associazioni beneficiarie. Il coordinamento generale è affidato ad Aragorn.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Sardine, “Lascia o raddoppia” in vista di future elezioni 1 giugno 2020 10:02

Sardine, “Lascia o raddoppia” in vista di future elezioni

Il movimento si auto-dichiara in aperta opposizione al populismo, eppure...

“Tempi duri per i troppo buoni” recitava e recita tuttora un adagio popolare, che sta a sottolineare come la mancanza di malizia o scaltrezza possa lasciare dietro i più puri o,...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Serie A, è giusto ripartire?

Risultati