Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Esteri

Costa Rica, promulgata una legge sulle molestie sessuali di strada

Costa Rica, promulgata una legge sulle molestie sessuali di strada

Previste multe e carcere per i responsabili

di Silvia de Mari

ROMA - In Costa Rica adesso esiste una legge che definisce il reato di molestie di strada. Lo ha promulgato ieri il presidente del Costa Rica, Carlos Alvarado, per cui verranno puniti i trasgressori con multe e pene detentive. Dopo aver firmato la legge, il presidente Alvarado ha affermato che si tratta di un grande cambiamento normativo per il Paese, che aiuterà a proteggere principalmente le donne, in modo che possano sentirsi libere di andare per strada senza dover essere vittime di molestie sessuali. "Per gli uomini è un segnale a esercitare una nuova mascolinità che rispetti l’integrità delle donne", ha detto.

LE MOLESTIE - Questa legge definisce il crimine di molestie sessuali di strada come "tutte le condotte con connotazione sessuale e di natura unidirezionale, senza il consenso o l’accettazione della persona a cui è diretta, con il potenziale di causare fastidio, disagio, intimidazione, umiliazione, insicurezza, paura e offesa, che generalmente proviene da una persona sconosciuta al destinatario e che si svolge in spazi pubblici o di pubblico accesso". La legge prevede che la "persecuzione" in spazi pubblici o in un mezzo di trasporto con connotazioni sessuali venga punita anche con una pena detentiva da 8 mesi a 1 anno.

LE ALTRE PENE - Oltre alla persecuzione, previste pene severe se qualcuno si masturba o si esibisce in pubblico, con multe o carcere da 6 mesi a un anno. Da 10 mesi a un anno, invece, la condanna prevista per chiunque registri un video, pena estesa a tre anni se il materiale registrato viene, oltretutto, distribuito.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati