Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Tecnologia

Ecco Yhop, la piu’ grande community italiana sulla birra artigianale

Ecco Yhop, la piu’ grande community italiana sulla birra artigianale

Un’app fondata da tre giovani romani che mette in contatto appassionati, pub e produttori, e nel giro di due anni si è imposta come riferimento del settore

di Giacomo Zito

ROMA - YHOP è un’app dedicata alla birra artigianale, creata nel 2018 da tre ragazzi romani, che nel giro di due anni si è imposta come principale piattaforma di settore, grazie a un team giovane e dinamico. Attualmente vanta 30mila utenti al mese, oltre 350 pub e 150 birrifici registrati, ed è digital partner di oltre 15 dei principali eventi nazionali sulla birra artigianale.

L'HUB DELLA BIRRA - L’app è un vero e proprio hub della birra, all’interno del quale gli utenti possono conoscere nuove birre, valutarle, scoprire i profili di gusto di ogni prodotto e soprattutto, reperirlo. Su YHOP infatti si possono trovare le produzioni di tantissimi birrifici italiani ed esteri, e la selezione di ogni locale per quanto riguarda offerta alla spina, in bottiglia e food. E’ un’app gratuita, che prevede anche una versione business per locali e produttori.

DURANTE IL LOCKDOWN - Durante il primo lockdown il team ha lavorato costantemente per mettere in campo una serie di soluzioni per sostenere un settore molto colpito, regalando gli applicativi business e indicando sulla mappa della birra artigianale tutte le aziende che effettuavano asporto e delivery. In questa nuova fase l’app è stata ulteriormente potenziata: da una parte i locali possono inviare la loro offerta commerciale agli utenti tramite social e app di messaggistica, dall’altra i clienti possono mettersi direttamente in contatto con i pub per prenotare un tavolo o dei prodotti da ritirare o farsi spedire in casa.

SOSTENERE LE ATTIVITA' - “Oggi come a marzo, il nostro desiderio è quello di sostenere le attività di questo settore, tra i più colpiti del lockdown”, ha dichiarato il CEO Niccolò De Carlo. “I numeri in costante crescita dimostrano l’importanza di fornire alle aziende strumenti digitali sempre più avanzati per raggiungere i propri clienti. Infatti, nel 2020 l’azienda ha investito in ricerca e sviluppo quasi 300.000 euro. Dare una mano a tutti i pub e i birrifici è per noi un motivo di orgoglio e uno stimolo a fare sempre meglio per far crescere la birra di qualità”, conclude.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Diego, l’artista che ha fatto male solo a sé stesso 30 novembre 2020 10:01

Diego, l’artista che ha fatto male solo a sé stesso

Maradona era (è!) un genio e come tale avrà sempre chi lo denigrerà, ma la verità sta altrove

ROMA - Quando per tutta una vita hai fatto parlare di te – nel bene o nel male – è difficile smettere. Quando sei stato un autentico modello da seguire per quello che riuscivi a...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Vaccino anti-Covid: ti immunizzerai quando il vaccino sarà disponibile per tutti?

Risultati