Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Parlamento Europeo

L’UE chiede alla Russia di fermare il procedimento illegale contro i giudici lituani

La Russia dovrebbe porre fine alle azioni penali motivate politicamente contro i giudici lituani

di Giacomo Zito

BRUXELLES - La Russia dovrebbe smettere di perseguire illegalmente i giudici lituani e i paesi dell'UE dovrebbero rifiutare qualsiasi assistenza legale, afferma il Parlamento europeo. Nel testo adottato con 493 voti a favore, 43 contrari e 86 astensioni giovedì, i deputati chiedono alla Russia di porre fine all'accusa motivata politicamente contro giudici e pubblici ministeri lituani che hanno dichiarato colpevoli di crimini di guerra 67 cittadini russi, bielorussi e ucraini nei confronti di Lituania gli eventi del 13 gennaio 1991 a Vilnius.

IL PARLAMENTO - Il Parlamento denuncia le azioni della Russia come "inaccettabile influenza esterna", "politicamente motivata" e una violazione dei valori giuridici fondamentali, in particolare l'indipendenza della magistratura. I deputati chiedono a tutti gli Stati membri di non trasferire in Russia dati personali che potrebbero essere utilizzati in procedimenti penali contro giudici lituani, nonché di rifiutare le richieste della Russia di assistenza legale correlata. I paesi dell'UE e l'Interpol dovrebbero anche ignorare tutti i mandati di arresto internazionali contro gli accusati funzionari lituani ", affermano.

LO SFONDO - Il 13 gennaio 1991, in seguito alla dichiarazione di indipendenza della Lituania dall'Unione Sovietica, furono uccisi quattordici civili pacifici e circa 800 feriti durante un giro di vite da parte delle truppe sovietiche sulla torre della televisione di Vilnius. Nel marzo 2019, una corte lituana ha emesso una sentenza su questo atto di aggressione contro la Lituania trovando 67 persone, tra cui l'allora ministro della Difesa e capo del KGB dell'Unione Sovietica, colpevoli di crimini di guerra.

LA MANCATA RISPOSTA - La Russia non ha risposto alla richiesta di cooperazione della magistratura lituana. La maggior parte degli accusati è stata quindi processata in contumacia. Nel 2018, la Russia si è vendicata avviando un procedimento penale contro giudici, pubblici ministeri e investigatori lituani coinvolti nelle indagini sui tragici eventi del 13 gennaio 1991 a Vilnius.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Covid-19, non è andato tutto bene 27 luglio 2020 10:01

Covid-19, non è andato tutto bene

Dopo tanta solidarietà sbandierata ai quattro venti, le parole e le promesse sono rimaste vane

ROMA - “Andrà tutto bene”. Uno slogan che, da marzo, ha accompagnato quotidianamente l’emergenza generata in Italia dalla pandemia di Coronavirus. Ecco, a ben vedere lo...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati