Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Spettacolo

Rome New Year’s Day parade

Doppio appuntamento col repertorio corale, cameristico e sinfonico in due cornici culturali e sacre

di Valerio Cruciani

ROMA - Dopo la festa musicale della Rome Parade nelle piazze e vie del Tridente romano il pomeriggio del primo dell’anno, come tradizione, il festival organizzato a Roma per le festività di Capodanno continua con i concerti tenuti da alcune formazioni musicali composte dagli studenti delle high school americane più prestigiose. Martedì 2 gennaio, quindi, doppio appuntamento col repertorio corale, cameristico e sinfonico in due cornici culturali e sacre ad hoc della Capitale.

QUANDO - Si comincia alle ore 18 alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna (Sala della Guerra) con la Shawnee Mission East High School proveniente da Prairie Village, Kansas, (area metropolitana di Kansas City), che si esibirà prima con l’organico Wind Ensemble, composto di ragazzi che vanno dai 14 ai 18 anni  che proporranno il loro tradizionale programma di festeggiamenti tradizionali e americani, e, a seguire, con la formazione Jazz Band della scuola, che interpreterà  musica scritta da Count Basie, Bennie Moten, Charlie Parker e molti altri.

STAFFETTA - La staffetta passa alle 20 al centro storico che vedrà la Basilica di San Giovanni Battista dei Fiorentini ospitare tre differenti formazioni: le prime due attinenti alla Lambert High School, originaria della contea di Forsyth, in Georgia, che si esibirà prima in versione cameristica e, in seguito, corale; la terza appartenente alla Schurr High School, direttamente dalla California del Sud, con l’organico “Spartan Legion”.

L’OBIETTIVO - Obiettivo della Destination Events, che da anni porta nella Capitale formazioni internazionali in eventi unici out e indoor e che da un ventennio organizza l’omonima parata musicale di Capodanno a Londra, è quello di vivere e far vivere un’esperienza collegata alla condivisione culturale di mondi lontani, nella quale i giovani e le famiglie interagiscano attraverso la musica, in repertori internazionali diversificati, all’interno di una cornice artistica unica al mondo quale la Città eterna rappresenta.

 

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Parlamento, zona franca 25 maggio 2020 10:03

Parlamento, zona franca

I politici di casa nostra, anche durante il lockdown, hanno continuato a non dare il buon esempio

ROMA - “Quis custodiet ipsos custodes?”, o per meglio dire (visto che con la didattica a distanza di latino sul pc, ultimamente, se ne sta leggendo molto) “chi sorveglierà i...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Serie A, è giusto ripartire?

Risultati