Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Editoriali

Covid-19, non è andato tutto bene

Covid-19, non è andato tutto bene

Dopo tanta solidarietà sbandierata ai quattro venti, le parole e le promesse sono rimaste vane

di Matteo Spinelli

ROMA - “Andrà tutto bene”. Uno slogan che, da marzo, ha accompagnato quotidianamente l’emergenza generata in Italia dalla pandemia di Coronavirus. Ecco, a ben vedere lo slogan è rimasto tale, senza (purtroppo) attuarsi. Dopo tanta solidarietà sbandierata ai quattro venti, con un’Italia che (apparentemente) sembrava più unita di quanto Cavour e Garibaldi avessero mai potuto immaginare, le parole e le promesse sono rimaste vane. L’idea di una nuova ripartenza, basata su una vera unità d’intenti ad ogni livello, è un flebile e forse anche sciocco ricordo di metà marzo.

Sono lontani i tempi in cui, chiusi dal lockdown nelle nostre case, ci stringevamo intorno a città martoriate da Covid-19 come Bergamo, Milano e via dicendo. L’anatema dell’odio territoriale, come in ogni situazione, prende il sopravvento. Il lockdown, con il dovuto rispetto che si deve ad una situazione così drammatica, è sembrato l’estate del Mondiale 2006. Tutti uniti per spingere gli azzurri verso la coppa e poi, una volta conquistato il trofeo, è ripresa la guerra del tutti contro tutti.

La stessa situazione si sta vivendo in questo momento: l’unità di intenti – tra addetti ai lavori, specialisti e gente comune – ha lasciato il posto a scontri politici, dibattiti scientifici (anche con toni piuttosto accesi) e opinioni personali per portare avanti battaglie più o meno personali con tornaconti neanche troppo velati. Tutto è iniziato, ai primi di giugno, con la riapertura tra regioni. La polemica, tra un certificato di negatività ed un lockdown minacciato a livello prettamente territoriale, è infuriata subito, riportandoci alla realtà di ogni giorno: scontro politico a tutto campo. Si è andati avanti con ripicche personali, battute scambiate a mezzo social e critiche a gogo contro il proprio avversario, solo per rimarcare una mal provata superiorità.

E lo scontro – con battute anche di pessimo gusto che arrivano da Governatori di Regione divenuti dei veri e propri divi – appare solo all’inizio. Il rientro del Premier Conte da Bruxelles con “in tasca” i miliardi del recovery fund, infatti, stiamo pur certi che aprirà nuovi terreni di scontro politico.

Noi, dalle nostre case, potremmo fare ciò che ci riesce meglio: giudicare comunque e ad ogni costo, facendoci condizionare e (nel più dei casi) manipolare dai finti guru del tuttologismo all’italiana. La trasformazione da esperti virologi a specialisti di finanza europea è dietro l’angolo. Forse ci distrarrà il calciomercato, dall’altro del nostro acume sportivo, in attesa di essere tutti commissari tecnici con gli Europei dell’anno prossimo.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Diego, l’artista che ha fatto male solo a sé stesso 30 novembre 2020 10:01

Diego, l’artista che ha fatto male solo a sé stesso

Maradona era (è!) un genio e come tale avrà sempre chi lo denigrerà, ma la verità sta altrove

ROMA - Quando per tutta una vita hai fatto parlare di te – nel bene o nel male – è difficile smettere. Quando sei stato un autentico modello da seguire per quello che riuscivi a...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Covid, quasi tutta Italia in zona rossa: restrizioni troppo dure o necessarie?

Risultati