Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Editoriali

Fiume di tenebra. L'ultimo volo di Gabriele D'Annunzio.

Un romanzo di Massimiliano Di Mino, Pier Paolo Di Mino.

di Redazione

 A 90 anni dal “Natale di Sangue”, quando le truppe regolari del generale Caviglia entrarono nella città irredenta Fiume, oggi Rijeka, e spararono su altri Italiani per liberare la  città dall’occupazione di Gabriele D’Annunzio la casa editrice Castelvecchi pubblica Fiume di Tenebra. L’ultimo volo di Gabriele d’Annunzio un romanzo che ripercorre un episodio della storia contemporanea italiana a lungo rimosso e mistificato. Un romanzo d’avventura, un racconto epico, la cui trama prende le mosse da un fatto realmente avvenuto: il fallito attentato a Gabriele D’Annunzio, organizzato da un misterioso gruppo di cospiratori interessato a rimuoverlo dal comando che detenne su Fiume dal settembre 1919 al dicembre 1920. Fiume, all’indomani della Prima Guerra Mondiale, è una terra meravigliosa e ribelle che sceglie la strada dell’insurrezione, con il più grande poeta italiano a capo della rivolta e un manipolo di anarchici, avventurieri e arditi pronti ad accorrere per sostenere rivendicazioni che parlano di giustizia e di libertà. Per molti un esempio da seguire, ma per il governo italiano soltanto uno scandalo da sopprimere il più presto possibile. In attesa che l’esercito dei Savoia compia il suo dovere, una congiura internazionale ordisce un piano per attentare alla vita di Gabriele D’Annunzio. La fonte di questo episodio è “Gli allegri filibustieri di D’Annunzio” di Tom Antongini, segretario personale del poeta.

Il booktrailer è disponibile all’indirizzo: http://www.youtube.com/watch?v=GYrmABJsoTc

 

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Calcio, dal barcone al pallone: il razzismo a convenienza 13 luglio 2020 10:02

Calcio, dal barcone al pallone: il razzismo a convenienza

Lo straniero, secondo una diffusa mentalità, è da denigrare solo quando è avversario

ROMA - La coerenza, ce ne stiamo accorgendo, non è cosa di questi tempi. Ciò che oggi sosteniamo strenuamente, domani condanniamo in maniera forte e convinta; senza che questa sia...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Covid-19: siete preoccupati per una possibile seconda ondata del virus in Italia?

Risultati