Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Editoriali

Italia, il paese dei tuttologi

Italia, il paese dei tuttologi

Siamo diventati, all’improvviso, tutti esperti in materie scientifiche, provetti virologi e accademici dell’epidemiologia

di Matteo Spinelli

ROMA - Italiani, popolo di santi, poeti, navigatori… e tuttologi! La frase contenuta nel celebre discorso che Benito Mussolini pronunciò il 2 ottobre 1935 contro la condanna all’Italia, da parte delle Nazioni Unite, per l’aggressione all’Abissinia, ai giorni nostri avrebbe sicuramente bisogno di una rivisitazione con aggiunta finale.

L’emergenza coronavirus, oltre ad aver stravolto la nostra vita fin nei più piccoli e scontati gesti quotidiani, ha infatti tirato fuori il “meglio” (si fa per dire) del nostro essere italiani. Siamo diventati, all’improvviso, tutti esperti in materie scientifiche, provetti virologi, accademici dell’epidemiologia e conoscitori di termini, concetti e ragionamenti che, fino a poco tempo fa, forse non sapevamo neanche esistessero. Ma attenzione: lo stakanovismo nostrano non è assolutamente limitato al campo scientifico!

Da più parti, infatti, si levano critiche – in un modo o nell’altro – per come si dovrebbe affrontare l’emergenza dal punto di vista economico. Tutti indaffarati a twittare sproloqui ed invettive contro il MES, questo oggetto misterioso ai più fino a qualche mese fa. Immancabili i calcoli sul bonus da 600 euro per i liberi professionisti che, secondo alcuni (qualificati non si sa da chi o da che cosa), non sarebbero sufficienti per fronteggiare la situazione. Una grande nazione di commercialisti ed economisti intenti a trovare un cavillo per avvalorare o screditare l’utilizzo dei “coronabond”.

Sulla parte sportiva non diciamo nulla? Proprio noi che siamo il popolo composto da 60 milioni e passa di commissari tecnici? Non potendoci accanire sulle varie formazioni calcistiche, visto lo stop ai campionati, ed in attesa di tramutarci in esperti di salto con l’asta, tiro al piattello o lancio del peso in vista delle prossime Olimpiadi, abbiamo ben pensato di spiegare a tutti – senza che nessuno ce lo abbia chiesto, oltretutto – come ci si possa riatletizzare dopo un lungo stop.

Insomma, la citazione usata ad inizio articolo andrebbe quantomeno ritoccata. Una piccola aggiunta –  magari anche sulla facciata principale del Palazzo della Civiltà Italiana nel quartiere Eur di Roma, perché no – per far capire quanto l’italiano medio sappia sempre tutto di ogni argomento, innalzandosi a problem solver per ogni evenienza, salvo poi non comprendere un DPCM spiegato in diretta nazionale dal Presidente del Consiglio.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati